DromosFestival

Bauladu - Piazza Giovanni Maria Angioy

Multimedia

 

Bauladu è un piccolo centro dell’oristanese che conta meno di 800 abitanti. Il paese, che sorge ai piedi di una collina vulcanica, si è ritagliato una discreta visibilità in ambito regionale grazie all’impegno della Consulta giovanile, che lì come altrove rappresenta un segno di resistenza nei confronti dello spopolamento, coi giovani che rimangono per vivere un contesto dinamico e stimolante, per poter crescere culturalmente stabilendo anche rapporti forti con l’esterno. Cuore pulsante del paese è la piazza, recentemente riqualificata, intitolata a Giovanni Maria Angioy, figura storica e rivoluzionaria per l’intera Sardegna che, a partire dalla seconda metà dell’800, tentò l’abolizione del feudalesimo nell’Isola. A far da scenografico fondale alla piazza è la parrocchiale di san Gregorio Magno, il cui primo impianto romanico risale al XIII secolo, così come la sua facciata in pietre a vista. La chiesa, ristrutturata nel XVIII secolo conserva, al suo interno, una pregevole scultura lignea dorata e policromata della Madonna col Bambino, attribuita a un intagliatore di scuola napoletana del 1600. Oltre al nucleo storico caratterizzato dalle suggestive architetture in scuro basalto, il paese vive le sue più intense attività culturali nel parco di San Lorenzo, dal nome di una chiesa seminascosta da un muraglione situato dietro il cimitero. Nelle vicinanze è stato ricavato anche l’anfiteatro, situato anch’esso nel parco verdissimo di San Lorenzo e dedicato ai live serali e ai dj set dopo i concerti.

 

Eventi in programma

Condividi su: