DromosFestival

Paraulas Mannas

Lidia Murgia

Deo so s’Idea
chi attraessada
su mare.
Non mi connoschese?
So sempre sa matessi,
sempre lu so istada
in d’onzi mundu
e tempusu.

Sono parole importanti quelle che Lidia Murgia esprime nei suoi versi poetici e concretizza visivamente nelle sue opere e nelle sue installazioni: sono parole fondanti e archetipali, che attingono linfa dal mito della Madre, paraulas mannas, dunque. Nel mondo di Lidia Murgia, abitato da donne dall’essenza ancestrale e da nessuna donna in particolare, pulsa una femminilità che va oltre il contingente e rimanda a ritualità arcane e futuribili, che attiva presenze, fluttua, intessuta d’oro, in un insondabile oltremare. Se le perdularie, anonime, stereotipate eppure preziose e varie nelle loro vesti, evocano ieratiche teorie di vergini bizantine o conturbanti femmes secessioniste, le reti, aniconiche e, in apparenza, monocromatiche, seducono col loro cangiantismo, catturano le vibrazioni luminose e ce le rimandano, catalizzando lo spazio e svelando, con alfabeti e codici antichi, l’Idea stessa del mistero femminile.
Ivo Serafino Fenu

info

A cura di: Ivo Serafino Fenu
Artista: Lidia Murgia

Inaugurazione mostra: 04 agosto 2016 – ore 19.30
Luogo: Chiesa di San Salvatore c/o Giardino del Museo Archeologico - San Vero Milis (OR)
Date: 04 > 31 agosto 2016
Orari: lun > ven 18.00 – 20.00

Condividi su: